Beyoncé è meglio conosciuta per essere una cantante potente e un’artista energica. Tuttavia, il cantante vincitore del Grammy ha anche fatto notevoli passi avanti nel mondo della recitazione. Durante i primi anni 2000, Beyoncé è apparsa in una serie di film come “Carmen: A Hip Hopera”, “Austin Powers in Goldmember” e “The Fighting Temptations”. E mentre Beyoncé ha ottenuto vari gradi di successo al botteghino, è stato solo quando è entrata nel ruolo di Deena Jones durante “Dreamgirls” del 2006, l’iterazione cinematografica della popolare commedia di Broadway che segue gli alti e bassi di un gruppo femminile, che sembrava che fosse davvero arrivata come attrice.

Due anni dopo, Beyoncé ha fatto un altro tentativo di recitazione drammatica, questa volta interpretando il ruolo di (l’ormai defunta) Etta James in “Cadillac Records”, un film biografico che raccontava le “vite turbolente di alcune leggende musicali americane”, secondo IMDb. Durante il film, Beyoncé ha dimostrato di avere le doti recitative per affrontare attori esperti come Adrien Brody e Jeffrey Wright. “Forse non è una performance così rivelatrice, ma è facilmente la migliore di Knowles – e non brilla solo quando canta”, ha scritto David Sims per The Atlantic. Naturalmente, anche l’interpretazione di Beyoncé del successo di James degli anni ’60, “At Last”, ha suscitato molto clamore tra spettatori e critici. Nel 2009, Beyoncé ha persino cantato la sua versione di “At Last” al ballo inaugurale del quartiere del presidente Barack Obama.

Sfortunatamente, James non era un fan di Beyoncé che si metteva nei suoi panni per un’occasione così importante.

A Etta James non piaceva che Beyoncé cantasse la sua canzone all’inaugurazione

Inizialmente, Etta James sembrava soddisfatta del suo ritratto di Beyoncé in “Cadillac Records”. Nel 2008, James ha persino calcato il tappeto rosso con Beyoncé quando “Cadillac Records” è uscito per la prima volta nelle sale, per MTV. Tuttavia, quando Beyoncé ha cantato “At Last” all’inaugurazione di Barack Obama, James potrebbe essersi aggiunta all’elenco delle celebrità che odiano Beyoncé. Poche settimane dopo, nel febbraio 2009, James avrebbe fatto alcuni commenti piuttosto denigratori su Beyoncé mentre si esibiva dal vivo. “Ti dico che quella donna che aveva cantato per lui, cantando la mia canzone, si farà frustare il culo”, ha detto James. “La grande Beyoncé. Ora, come ho detto, non è mia. Non sopporto Beyoncé! Non aveva affari lassù a cantare. Cantare in un grande vecchio, grande vecchio giorno del presidente e cantare la mia canzone che io’ canto da sempre” (tramite The Telegraph).

Come previsto, i commenti di James hanno attirato molta attenzione. È interessante notare che James in seguito ha ritrattato le sue dichiarazioni e ha affermato che in realtà stava scherzando. “Non intendevo davvero niente”, ha spiegato James al New York Daily News. “Anche da bambino, ho sempre avuto quel tipo di atteggiamento da comico. … Questo è probabilmente quello che è successo.” James ha anche condiviso che si è sentita un po’ offesa per non essere in grado di cantare la propria canzone (tramite MTV).

Beyoncé ha onorato Etta James per il suo compleanno

Nonostante i commenti coloriti di Etta James, Beyoncé ha sempre parlato molto bene della leggenda del blues. Mentre promuoveva “Cadillac Records” nel 2009, Beyoncé ha cantato le lodi di James durante un’intervista con Fox News. “Era una musicista così brillante e la sua voce proprio… oh mio Dio”, ha detto Beyoncé. “Aveva così tanta anima, passione, dolore e vulnerabilità, tutto in uno. E non importava se fosse rock and roll… jazz, qualunque cosa. L’ha fatto suo”.

Tre anni dopo, James morì all’età di 73 anni. E mentre Beyoncé aveva in gran parte smesso di fare interviste, ha condiviso un significativo tributo a James sul suo sito web. “Questa è una perdita enorme. Etta James è stata una delle più grandi cantanti del nostro tempo”, ha condiviso Beyoncé. “Sono così fortunato ad aver incontrato una regina del genere. I suoi contributi musicali dureranno tutta la vita”. Beyoncé ha anche condiviso che interpretando James “mi ha insegnato così tanto su me stesso e cantare la sua musica mi ha ispirato a essere un artista più forte” (tramite Pagina Sei).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui