Potremmo ricevere una commissione sugli acquisti effettuati dai link.

Da gennaio 2021, una serie di inquietanti accuse di abusi, tra cui aggressione sessuale, aggressione fisica e cannibalismo, hanno seguito l’attore Armie Hammer. È iniziato quando un utente di Twitter ha pubblicato screenshot di messaggi diretti di Twitter presumibilmente inviati da Hammer, in cui il mittente diceva “Ho bisogno di bere il tuo sangue” (tramite E! News). Dopo che le immagini si sono diffuse sui social media, la storia è ripresa quando il suo ex partner romantico ha parlato e condiviso storie altrettanto inquietanti (tramite Pagina Sei).

E pochi giorni prima di "House Of Hammer", un documentario di prossima uscita che non solo approfondisce le accuse di abusi che circondano Hammer e la sua presunta doppia vita, ma darà anche agli spettatori uno sguardo più approfondito sull'inquietante storia familiare di Hammer, uno dei suoi familiari membri sta condividendo i suoi pensieri sull'intero calvario. E, cosa abbastanza interessante, non è poi così sorpresa da tutto quello che sta succedendo.

La zia di Armie Hammer non è sorpresa dalle accuse di abusi

"House Of Hammer", previsto per la data di uscita del 2 settembre, è incentrato sulle accuse di abusi avanzate da donne che affermano di aver avuto precedenti relazioni sentimentali con l'attore, tra cui Courtney Vucekovich e Julia Morrison (tramite Page Six). Durante un trailer del documentario, le donne raccontano racconti strazianti del tempo trascorso con l'attore "Call Me By Your Name". Tuttavia, districa anche la storia familiare di Hammer e le bizzarre accuse di abusi che li circondano.

Prima del suo rilascio, una delle zie paterne di Hammer, Casey Hammer, ha condiviso il motivo per cui non è rimasta sorpresa dalle accuse di suo nipote. "Onestamente non sono rimasto sorpreso o scioccato", ha condiviso Hammer con Us Weekly. "In base a come sono cresciuto, sono stato esposto a crimini orribili ed esperienze che sono state nascoste perché era a porte chiuse e non potevamo parlarne". Ha aggiunto, ho pensato: 'Oh, ci siamo. Un altro uomo martello. Quello che mi ha sconvolto è stato il fatto che si stessero concentrando su Armie, sul cannibalismo e sulla sua carriera. [But] che dire delle vittime che ha lasciato sul suo cammino?" Casey Hammer ha continuato dicendo che l'esplosione di accuse di abusi da parte di Armie Hammer ha stimolato il suo bisogno di parlare di nuovo del proprio trauma, di cui aveva già scritto in "Surviving My Birthright", con la speranza di poter sostenere altre vittime.

Se tu o qualcuno che conosci è stato vittima di violenza sessuale, puoi chiamare la National Sexual Assault Hotline al numero 1-800-656-HOPE (4673) o visitare RAINN.org per ulteriori risorse.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui