L’icona americana popolare Marilyn Monroe è stata probabilmente uno dei più grandi nomi di Hollywood durante l’apice della sua fama negli anni ’50 e all’inizio degli anni ’60. Nominata dall’American Film Institute nel 1999 come la sesta più grande star femminile del 20° secolo, l’influenza di Monroe le è sicuramente sopravvissuta.

Sebbene fosse amata dagli appassionati di cinema di tutto il mondo per le sue numerose esibizioni sullo schermo, la sua vita personale travagliata ma dinamica è stata anche di grande interesse per il pubblico. Sposato tre volte – in particolare, con la leggenda del baseball Joe DiMaggio e, successivamente, con il drammaturgo Arthur Miller – Monroe ha anche vissuto tre divorzi, oltre a numerose relazioni famose con diverse persone di alto profilo (in particolare il presidente degli Stati Uniti, John F. Kennedy e suo fratello, Robert Kennedy).

Tuttavia, nonostante la bellezza, il fascino e lo status di sex symbol di Monroe, la leggenda del film non ha mai avuto figli. Ma qual era il motivo? Bene, si scopre che il famoso attore aveva davvero un desiderio forte e quasi per tutta la vita di creare una famiglia. Tuttavia, una certa condizione le aveva impedito di farlo.

Marilyn Monroe ha subito tre aborti spontanei durante il suo terzo matrimonio

Sebbene Marilyn Monroe non abbia mai avuto figli, ha tentato più volte di creare una famiglia. Sfortunatamente, tutti quei tentativi si sono conclusi con un aborto spontaneo.

Secondo Biography, l’impegno di Monroe di rimanere incinta e avere un figlio iniziò sul serio con il suo matrimonio con il drammaturgo Arthur Miller nel 1956, solo un anno dopo il suo divorzio dall’esterno del centro di baseball Joe DiMaggio. Miller aveva recentemente compiuto 40 anni e aveva già avuto due figli dalla sua prima moglie, Mary Slattery, mentre Monroe aveva appena compiuto 30 anni e non aveva figli con il suo primo marito, James Dougherty. (Monroe sposò Dougherty quando aveva solo 16 anni e divorziò da lui quattro anni dopo.)

Ma i problemi sono sorti quasi immediatamente, poiché Monroe ha finito per avere due aborti spontanei, seguiti da una sfortunata gravidanza extrauterina. Questi aborti hanno solo esacerbato il suo già fragile stato mentale. Come ha detto il regista Billy Wilder, per E! News: “Non ho avuto problemi con Monroe. Monroe ha avuto problemi con Monroe. Ha avuto problemi con se stessa”. Monroe e Miller finirono per divorziare nel gennaio 1961. E, 19 mesi dopo, nell’agosto 1962, si sarebbe suicidata per overdose di barbiturici.

I problemi di infertilità di Marilyn Monroe derivavano dalla sua endometriosi

Sebbene la fine del matrimonio di Marilyn Monroe con Arthur Miller all’inizio degli anni ’60 possa essere stata causata, in parte, dalla sua depressione e da altri problemi di salute mentale – e probabilmente esacerbata dai suoi tre aborti spontanei – il suo precedente matrimonio con Joe DiMaggio è stato ugualmente pubblicizzato, e altrettanto condannato.

Secondo l’NCBI, Monroe aveva l’endometriosi, una condizione che causa infertilità in circa la metà di coloro che ne sono affetti. In effetti, l’endometriosi di Monroe era così grave che l’organizzazione riferisce che “ha distrutto i suoi matrimoni, il suo desiderio di avere figli, la sua carriera e, infine, la sua vita”. Nonostante ciò, secondo Biografia, Monroe e DiMaggio intendevano ancora avere figli dopo il loro matrimonio nel 1954.

“Joe ed io parlavamo di sposarci da alcuni mesi”, ha detto Monroe all’autore Ben Hecht per la sua biografia, “My Story”. “Sapevamo che non sarebbe stato un matrimonio facile. D’altra parte, non potevamo andare avanti per sempre come coppia di amanti del cross-country. Potrebbe iniziare a danneggiare entrambe le nostre carriere”. Naturalmente, il matrimonio non avrebbe prodotto figli e sarebbe durato solo circa nove mesi. I due hanno finito per divorziare dopo aver iniziato a sviluppare gravi differenze di personalità, con Monroe che ha persino accusato DiMaggio di “crudeltà mentale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui