Questo articolo discute l’omicidio di George Floyd e altri omicidi della polizia.

“Quando George è stato assassinato: dov’eri?” è l’ultimo progetto dello scrittore e regista Terrance Tykeem, noto per il suo film “Jason’s Letter”. La storia è una rivisitazione delle conseguenze dell’omicidio di George Floyd. Il film mostra in particolare una rivisitazione di ciò che è accaduto nella prigione in cui è stato detenuto l’assassino di Floyd, Derek Chauvin, nella primavera del 2020. Con il progredire del film, il pubblico può dare un’occhiata a come la presenza dell’ex poliziotto influenzi le guardie, i detenuti e il capitano (interpretato da Montel Williams). La tensione sale all’interno e all’esterno della prigione solo quando viene alla luce che le guardie di minoranza vengono tenute lontane dall’unità di Chauvin.

Durante un’intervista esclusiva, Tykeem e Williams hanno discusso del motivo per cui pensavano che questa fosse una storia importante da raccontare. Sebbene sia un argomento polarizzante, entrambi sentivano di dover essere abbastanza coraggiosi per affrontarlo.

La storia colpisce tutti

L’omicidio di George Floyd ha suscitato proteste e ha acceso conversazioni sulla brutalità della polizia, non solo in tutta la nazione ma anche in tutto il mondo. Per questo motivo, Terrance Tykeem sapeva che un film che discuteva di quell’argomento aveva un pubblico incorporato. “È uno di questi tipi di film che… tutti conoscono l’argomento, quindi ho dovuto essere abbastanza coraggioso da volerlo raccontare”, ha detto il regista a The List. Ma sapeva anche che doveva affrontare la storia con attenzione.

“Sono andato dal punto di vista di raccontare cosa è successo, come la storia ha davvero influenzato tutti, la nazione e il mondo … la maggior parte delle persone era fidanzata perché eravamo tutti bloccati nelle nostre case nel momento in cui è accaduta tutta questa cosa”, Tykeem disse.

Sebbene la maggior parte delle persone fosse a conoscenza dell’omicidio di Floyd, Tykeem voleva anche incorporare ciò che è successo all’interno della prigione. Una volta appreso che le guardie di minoranza erano state tenute lontane dall’unità di Chauvin, sapeva che quella era una parte non raccontata della storia di cui voleva parlare.

“La parte più importante per me è stata raccontare la storia dal punto di vista di far sapere che abbiamo a che fare con un problema su cui le persone hanno bisogno di saperne di più, che è l’intera questione di come le famiglie venivano sfruttate, la presenza di questo ragazzo che si trova all’interno della prigione e di come la sua presenza abbia toccato l’esistenza di tutti. Dentro la prigione, fuori dalla prigione, nelle loro case, nelle loro relazioni, volevo mostrare tutto questo”, ha detto Tykeem.

Sperano che il film continui la conversazione

Parlando delle sue speranze per “Quando George Got Murdered”, Montel Williams ha detto: “Dal mio punto di vista, spero che accenda la conversazione di cui c’è bisogno in America”. Ma nonostante quell’obiettivo, non è sicuro che l’America sia “pronta a sedersi e avere quella conversazione”.

Terrance Tykeem era d’accordo con Williams, dicendo: “In questo momento, conosciamo la realtà di questo. ‘Jaded’ è un eufemismo per quello che sono in questo momento. Conosciamo la realtà, ma dobbiamo ancora … Quando ottieni una piattaforma così, devi farlo”. Nonostante quanto possa essere scoraggiante, per loro era comunque importante pubblicare questa storia.

Tykeem ha spiegato di essere realistico sul fatto che la mente di molte persone sia già decisa sulla questione. “C’è un gruppo di persone a cui non importa … Adorano i poliziotti. Andranno con il poliziotto qualunque cosa accada”, ha detto. Ma il regista ha aggiunto che nel realizzare un progetto come questo, speri ancora “di portare più persone lungo la strada ad aprire le loro menti e far loro vedere e capire qual è l’argomento”.

“Quando George Got Murdered” è ora disponibile su piattaforme di streaming digitale tra cui Prime Video, Google Play, YouTube e JustWatch.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui