Nell’agosto 2020, l’allora First Lady Melania Trump ha svelato un giardino di rose recentemente rinnovato, giusto in tempo per il suo discorso alla Convention nazionale repubblicana. I cambiamenti – che erano “attesi da tempo”, secondo il Washington Post – hanno visto l’installazione di percorsi calcarei che rivestono lo spazio per aiutare a facilitare il drenaggio dell’acqua e per contribuire a rendere il Rose Garden conforme all’Americans with Disabilities Act. Il rifacimento ha anche migliorato i cavi elettrici presenti nello spazio per aiutare a rispondere meglio alle esigenze dei media e del presidente.

Ma anche la ristrutturazione è stata controversa. Uno dei più grandi cambiamenti apportati da Trump è stata la rimozione degli alberi di melo che erano stati nel giardino sin dall’amministrazione Kennedy. Ha anche cambiato la tavolozza dei colori, cambiando le rose e altri fiori da quelli con tonalità vibranti a un pastello più tenue. E come qualsiasi cosa a che fare con l’amministrazione Trump, i cambiamenti hanno suscitato un contraccolpo significativo. In effetti, c’è stato un tale respingimento contro i cambiamenti del Rose Garden di Trump che una petizione è stata avviata nell’aprile 2021, chiedendo alla First Lady Dr.Jill Biden e al secondo gentiluomo Doug Emhoff di ripristinare il Rose Garden come era sotto l’amministrazione Kennedy. La petizione ha guadagnato terreno, con Newsweek che ha riferito di aver superato il suo obiettivo originale di 50.000 firme e che i suoi organizzatori sperano di raggiungerne 75.000.

Ma perché i cambiamenti sono stati così controversi? Continua a scorrere per scoprirlo.

Il Rose Garden ha una ricca storia

Secondo la White House Historical Association, il Rose Garden esiste in qualche modo dal 1902, quando la First Lady Edith Roosevelt piantò il suo “Giardino coloniale”. Il Rose Garden era il luogo in cui una volta si trovava la “casa delle rose” della Casa Bianca, parte di una vasta serie di serre che si estendevano sui terreni. Mentre i giardini della Casa Bianca sono cambiati nel corso degli anni, Rachel Mellon – la giardiniera che ha progettato il Kennedy Rose Garden – ha affermato che le rose sono sempre esistite nel Rose Garden.

Tuttavia, il cambiamento della tecnologia ha richiesto il terreno per stare al passo con i tempi. Dopo un viaggio in Francia, Austria e Inghilterra, il presidente John Kennedy e sua moglie, Jacqueline Kennedy, hanno chiesto uno spazio all’aperto simile a quelli che hanno visto all’estero. Voleva uno spazio che fosse “allo stesso tempo utile e attraente”, secondo Mellon, e in cui potesse intrattenersi, come aveva sperimentato in Europa. Mellon era all’altezza del compito e ha formato un giardino di ispirazione francese incentrato su una combinazione di orticoltura e composizioni floreali. Ha usato quattro alberi di magnolia negli angoli del giardino per ancorare il disegno e alberi di melo selvatico, che facevano parte della famiglia delle rose, per creare un disegno ripetuto che lo faceva sembrare “uno dei primi giardini americani nel sud della Virginia”. Lo ha anche progettato in modo che “le aree potessero essere sistemate come la stagione richiedeva: ma le rose potrebbero rimanere”.

È stata questa modifica al design fondamentale del giardino che ha sconvolto alcune persone.

Una petizione chiede il restauro del Giardino delle Rose

Sebbene molte modifiche al giardino fossero miglioramenti necessari, ce ne sono state alcune che hanno sconvolto i fan del design di Rachel Mellon. Vale a dire, la rimozione degli iconici alberi di melo e la riduzione dei fiori vibranti – che sono stati installati su richiesta del presidente John Kennedy, secondo la White House Historical Association – hanno rattristato abbastanza le persone che è stata creata una petizione per sollecitare la first lady e il secondo gentiluomo per riportarlo al suo antico splendore. Molti si sono rivolti a Twitter per esprimere la speranza che la dottoressa Jill Biden e Doug Emhoff si prendano la responsabilità di piantare almeno fiori più colorati nello spazio.

“Il design della First Lady Jacqueline Kennedy è stato distrutto da Melania Trump. Si spera che il Rose Garden venga restituito alla First Lady Jacqueline Kennedy”, un utente di Twitter ha scritto. “Melania Trump, terza moglie di un presidente illegittimo, si è completamente sbarazzata del bellissimo roseto di Jackie Kennedy. FLOTUS, per favore, ripristinalo. Melania Trump non ha il senso della bellezza”, un secondo utente twittato. “‘Melania Trump’ dovrebbe essere arrestata per la distruzione di proprietà del governo …” una terza persona scritto.

Come riportato dal The Guardian, l’attuale first lady non ha menzionato alcun piano per rinnovare il Rose Garden della Casa Bianca. Tuttavia, ha piantato un albero nel North Lawn della Casa Bianca in onore di Arbor Day, dove ha fatto una battuta sul piantare alberi con i tacchi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui