“American Idol” ha sicuramente l’abitudine di sfornare stelle degne di nota. L’iconica serie di concorsi è in onda da 20 anni e durante quel periodo ha trasformato un sacco di concorrenti in star di Broadway, candidati ai Tony e vincitori di Grammy, per Variety. Megastar come Kelly Clarkson, Carrie Underwood, Jennifer Hudson e Adam Lambert hanno avuto tutte umili origini nel reality show. Ma, ovviamente, non tutti lasciano la serie una star.

In effetti, alcuni concorrenti di “American Idol” si sono trovati in acqua calda dopo essere apparsi nello show. Ad esempio, il concorrente della stagione 18 Doug Kiker è stato arrestato con l’accusa di violenza domestica nel maggio 2021. Inoltre, il concorrente della stagione 19 Caleb Kennedy, che è stato espulso dallo spettacolo per essere apparso in un video con qualcuno che indossa quello che sembra essere un cappuccio del Ku Klux Klan, è stato recentemente arrestato a febbraio, secondo People. Il cantante di 17 anni avrebbe guidato la sua auto sotto l’influenza, facendolo schiantare contro un edificio e uccidendo qualcuno all’interno. Ora, l’ennesimo “American Idol” ha avuto problemi legali.

Laine Hardy è stata arrestata per aver piazzato un dispositivo di ascolto

La vincitrice della stagione 17 di “American Idol” Laine Hardy è stata arrestata il 29 aprile per aver piazzato un dispositivo di ascolto nella stanza del dormitorio della Louisiana State University della sua ex ragazza, secondo Entertainment Weekly. Secondo EW, la polizia della LSU è arrivata al dormitorio il 7 aprile dopo che lei e la sua coinquilina hanno trovato quello che pensavano fosse un caricatore del telefono sotto il loro futon. Dopo ulteriori ricerche, la coppia ha scoperto che il dispositivo era in realtà un registratore vocale e ha chiamato la polizia. La polizia ha quindi esaminato i file del registratore e ha stabilito che la voce di Hardy era presente quando il dispositivo è stato piantato. Nei documenti, la vittima ha anche affermato che Hardy l’ha registrata in passato.

Solo un giorno prima del suo arresto, Hardy ha condiviso una dichiarazione su Facebook in merito alle accuse. In esso, il cantante ha rivelato di “aver ricevuto un mandato” e di collaborare pienamente con il dipartimento di polizia della LSU. Ha chiesto la privacy a causa della “natura sensibile” delle accuse e ha scritto: “Capisco che la mia carriera mi ha messo sotto i riflettori del pubblico e lo abbraccio con tutto il cuore poiché tutto il mio mondo appartiene alla mia musica e ai miei fan”.

Sembra che l’incidente abbia già iniziato a infiltrarsi nella carriera di Hardy. Programmato per esibirsi al Mississippi Mudbug Festival il 29 aprile, Hardy si è ritirato all’ultimo minuto per quella che era considerata una “responsabilità personale imprevista”. Doveva anche tornare in “American Idol” il 2 maggio, ma resta da vedere cosa accadrà dato il suo stato travagliato al momento.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui