Nell’intrattenimento, i premi sono spesso molto ambiti. Un attore, ad esempio, potrebbe desiderare un Oscar per spingere la propria carriera al livello successivo di successo. Oppure una band può avere gli occhi su un Grammy in modo che le loro canzoni possano avere più trazione e più persone verranno ai loro spettacoli. Un premio può essere desiderato anche al di fuori dell’intrattenimento perché probabilmente non ci sono molti scienziati che rifiuterebbero un premio Nobel poiché come minimo potrebbe portare più attenzione alla loro ricerca.

Ma dall’altra parte, ci sono alcuni che hanno detto di non volere un premio quando è stato dato loro e lo hanno rifiutato. Alcune celebrità hanno affermato di aver pensato che ricevere un premio fosse ridicolo e che abbia svalutato la loro arte. Altri hanno rifiutato il loro premio perché non gli piaceva come veniva loro presentato rispetto a come veniva dato agli altri. Poi ci sono quei personaggi famosi che hanno rifiutato un premio per motivi politici o perché volevano attirare l’attenzione su una determinata causa. Ovviamente ci sono un sacco di motivi per cui una celebrità volterà le spalle a un premio, e abbiamo compilato un elenco di alcuni che hanno fatto proprio questo. Eccoci qui.

Sinéad O’Connor non voleva un Grammy

Sinéad O’Connor ha fatto venire l’acquolina in bocca a molte persone per il suo album del 1990 Non voglio quello che non hoe nel 1991 ha ricevuto quattro nomination ai Grammy per questo. Ha anche vinto la categoria della migliore performance di musica alternativa. Ma invece di presentarsi alla cerimonia, la cantante irlandese ha saltato del tutto i Grammy, si è rifiutata di accettare alcun premio e non ha voluto eseguire il suo successo scritto da Prince “Nothing Compares 2 U”. La ragione? O’Connor pensava che i premi fossero basati su celebrità, materialismo e popolarità, non arte.

“Ci stiamo permettendo di essere ritratti in qualche modo più importanti, più speciali delle stesse persone che dovremmo aiutare, dal modo in cui ci vestiamo, dalle macchine in cui viaggiamo, dall ‘” ultraterreno “dei nostri spettacoli e da molto di quello che diciamo nella nostra musica “, ha scritto O’Connor in una lettera che ha inviato alla National Academy of Recording Arts & Sciences ed è stata pubblicata dal Los Angeles Times. “Come possiamo stare lì a sperare di vincere un Grammy quando abbiamo fallito nel nostro dovere di artisti di dire la verità?” La cantante – che è la prima persona a rifiutare un Grammy – ha parlato di nuovo della sua decisione in un’intervista con il Los Angeles Times nel 1991. Durante quell’intervista ha detto che il suo vero problema erano “l’industria musicale” e i suoi “colleghi” per non aver affrontato abbastanza le questioni sociali.

Marlon Brando ha detto no a un Oscar

Molte persone negli ultimi anni hanno messo in discussione l’industria cinematografica per il modo in cui alcuni gruppi sono stati rappresentati sullo schermo. E quella frustrazione sembrava crescere ancora di più nel 2020, quando le persone hanno organizzato proteste per la giustizia razziale in tutto il mondo mentre richiamavano varie industrie. Marlon Brando ha avuto anche un problema con il modo in cui alcuni gruppi sono stati interpretati nel film, i nativi americani in particolare, e nel 1973 ha rifiutato di accettare un Oscar per il suo ruolo nel film. Padrino. Brando ha chiesto all’attore Sacheen Littlefeather di accettare il premio per lui, che era presidente del National Native American Affirmative Image Committee.

“Rappresento Marlon Brando questa sera e lui mi ha chiesto di dirti … che purtroppo non può accettare questo premio così generoso, e le ragioni di ciò sono il trattamento degli indiani d’America oggi da parte dell’industria cinematografica”, Littlefeather ha detto al pubblico di fischi e applausi. Il New York Times ha pubblicato la dichiarazione completa di Brando un giorno dopo gli Oscar.

“La comunità del cinema è stata responsabile come ogni altra per aver degradato l’indiano e preso in giro il suo carattere, descrivendolo come selvaggio, ostile e malvagio”, si leggeva in parte nella lettera. “È già abbastanza difficile per i bambini crescere in questo mondo. Quando i bambini indiani … vedono la loro razza rappresentata come sono nei film, le loro menti vengono ferite in modi che non potremo mai sapere”.

Skepta ha usato una canzone per dire che ha rifiutato un premio

L’artista e rapper grime Skepta ha collezionato la sua giusta quota di premi nel corso degli anni, incluso il Mercury Prize del Regno Unito nel 2016 per il suo album Konnichiwa. Ma nella sua canzone del 2017 “Hypocrisy”, Skepta ha detto di aver rifiutato un MBE, che sta per Member of the Order of the British Empire. Il premio viene assegnato alle persone che hanno ottenuto “un grande impatto nella loro linea di lavoro”, secondo BBC.

In pista, Skepta accenna brevemente al motivo per cui non era interessato ad assumere il titolo. “Sono appena tornato dagli Ivors / E guarda cosa abbiamo raccolto / L’MBE è stato rifiutato / Non sto cercando di essere accettato”, ha rappato sopra percussioni saltellanti e archi dal suono debole. In “Hypocrisy,” l’artista londinese ha fatto riferimento a ricevere il premio come cantautore dell’anno agli Ivor Novello Awards nel 2017, così come il premio per la migliore canzone contemporanea per il suo taglio “Man”. Ha seguito Konnichiwa con il 2019 L’ignoranza è beatitudine, un album NME chiamato “colorato, caleidoscopico e sciolto”.

Julie Andrews voleva che gli altri fossero riconosciuti

Ci sono alcuni attori che apparentemente vogliono distinguersi dai loro compagni di cast in una produzione ed essere considerati la star, il capo honcho, l’attrazione principale. Quella persona probabilmente vorrà anche tutti i riconoscimenti per se stessa. Ebbene, nessuno potrebbe dire questo di Julie Andrews, che nel 1996 rifiutò una nomination ai Tony per il suo ruolo nella produzione di Broadway di Victor / Victoria. Il suo nome è stato l’unico cenno del capo ricevuto dallo spettacolo, e non era interessata a prendere tutta la gloria.

Il suono di MusiLa star di c ha annunciato la sua decisione durante una chiamata alla ribalta dello spettacolo nel maggio 1996 e ha detto che essere l’unica persona nominata è ciò che ha deciso. “Ho esaminato la mia coscienza e il mio cuore e temo di non poter accettare questa nomination”, ha detto al pubblico, prima di fare un cenno al cast e alla troupe dello show. “Preferisco stare con ciò che è egregiamente trascurato.”

Tony Adams, uno dei Victor / Victoriadei produttori, ha parlato della decisione di Andrews e gli è stato chiesto se lui e altri hanno cercato di convincerla a non farlo. “Abbiamo giocato l’avvocato del diavolo in termini di ogni scenario, cosa poteva essere migliore e quali erano i lati positivi e negativi, e alla fine della giornata le abbiamo lasciato prendere una decisione molto, molto personale e molto importante e dolorosa, ” disse CNN nel 1996.

Thom Yorke ha detto che essere onorato lo ha confuso

La Hall of Fame. Queste quattro parole da sole hanno prestigio e, indipendentemente dal campo, essere inseriti in una Hall of Fame è un affare di dimensioni colossali per la maggior parte. Per vedere un esempio di ciò, controlla l’ex allenatore della NFL Jimmy Johnson in un momento toccante dopo aver scoperto di essere stato inserito nella Pro Football Hall of Fame in diretta TV nel 2020. Ma alcuni non guardano una Hall of Induzione alla fama come un onore, come Thom Yorke dei Radiohead, che si è detto sconcertato. Nel 2019, la band britannica è stata inserita nella Rock and Roll Hall of Fame, ma Yorke e altri membri si sono rifiutati di presentarsi alla cerimonia, che si è tenuta a Brooklyn, nel Barclays Center di New York.

“Siamo sempre stati molto blasé su queste cose”, ha detto Yorke Varietà nel 2019. “Quindi non vogliamo offendere nessuno. Pensiamo solo di non capirlo del tutto. Ce l’abbiamo spiegato, quindi è bello. Ma non lo capiamo davvero come inglese persone. Gli unici due membri che si sono presentati la sera della cerimonia sono stati il ​​batterista Phil Selway e il chitarrista Ed O’Brien, che sembravano sentire l’opposto di Yorke. “È un grosso affare e sembra proprio così, “ha detto O’Brien.

DJ Jazzy Jeff e Fresh Prince hanno organizzato un boicottaggio

La musica rap è diventata una parte importante dei Grammy, con più categorie che circondano il genere, così come gli artisti hip-hop che si esibiscono durante la cerimonia. Ma ai tempi, il rap era appena menzionato ai Grammy, nemmeno a metà degli anni ’80 quando entrò nel mainstream grazie ai Run-DMC. I Grammy hanno iniziato a riconoscere ufficialmente la musica hip-hop solo nel 1989, quando è stata aggiunta la categoria Best Rap Performance.

DJ Jazzy Jeff e Fresh Prince erano in lizza per il premio quell’anno per il loro divertente successo “Parents Just Don’t Understand”, che vinsero. Ma il gruppo, i cui membri sono composti da Will Smith e Jeff Townes, ha boicottato la cerimonia perché il premio non è stato letto durante la trasmissione televisiva. “Non abbiamo il problema con il Grammy come premio o il Grammy come istituzione, abbiamo solo avuto un problema con il design del 1989 dello spettacolo di premi”, ha detto Smith E quell’anno.

Come il Los Angeles Times Secondo quanto riferito, una sfilza di altri rapper ha boicottato la cerimonia quella sera, tra cui LL Cool J e Salt-N-Pepa, ma il rapper di New York Kool Moe Dee ha partecipato, una decisione per cui è stato successivamente criticato. “Hanno detto che non c’era abbastanza tempo per trasmettere in televisione tutte le categorie”, ha detto Townes E. “Hanno trasmesso 16 categorie e da record di vendite, dal Tabellone classifiche, dal punto di vista del pubblico in generale, non c’è modo che tu possa dirmi che su 16 categorie, quel rap non è tra i primi 16. “

George C. Scott ha distrutto gli Oscar

Quando l’attore George C. Scott vinse un Oscar nel 1971 per aver interpretato il generale George S. Patton in Patton, non era sul podio vestito in smoking per ringraziare coloro che lo hanno aiutato. In realtà era a New York con la sua allora moglie, l’attore Colleen Dewhurst. Invece di guardare il grande spettacolo, il Los Angeles Times ha osservato che “ha guardato una partita di hockey in TV ed è andato a letto”.

Scott è stata la prima persona in assoluto a rifiutare un Oscar, ma non lo ha fatto senza preavviso. Piuttosto l’attore, come Oggi ha raccontato, “ha telegrafato all’Accademia mesi prima della cerimonia per far loro sapere che non voleva il premio”. Un cortese rifiuto preventivo. “Ti chiedo rispettosamente di ritirare il mio nome dalla lista dei candidati. La mia richiesta non è in alcun modo intesa a denigrare i miei colleghi”, si legge nel telegramma, pubblicato in parte da QUELLO. Ma non è stata l’unica volta in cui il defunto attore ha indicato di non essere un fan degli Oscar. Come il Los Angeles Times ha ricordato, una volta ha detto ai media che l’evento “una sfilata di carne di due ore, un’esibizione pubblica con suspense artificiosa per motivi economici”.

Axl Rose ha rifiutato il suo onore per iscritto

Coloro che hanno già raggiunto l’età adulta probabilmente conoscono questa dolorosa verità: la maggior parte delle tue band preferite prima o poi si scioglierà. Naturalmente, molte band sono ancora insieme, altre possono unirsi temporaneamente per riunioni, ma molte volte i fan di gruppi più vecchi rimangono con ricordi e un mucchio di vecchie canzoni. Si può dire con certezza che molti avevano il cuore spezzato quando i membri originali dei Guns N ‘Roses si separarono un sacco di anni fa e alcuni rapporti dicevano che il cantante Axl Rose e il chitarrista Slash erano fuori gioco. “Odia il mio coraggio”, ha detto Slash Rolling Stone nel 2012. “Sono molte cose diverse; non lo so nemmeno”.

Sembrava che lo stesso litigio, e forse i problemi con altri compagni di band, impedissero a Rose di accettare un invito per essere inserito nella Rock and Roll Hall of Fame nel 2012. “Chiedo fortemente di non essere inserito in contumacia e per favore sappi che nessuno non è autorizzato né può essere consentito a nessuno di accettare alcuna induzione per me o di parlare per mio conto “, ha scritto Rose in una lettera, secondo il Los Angeles Times. Alla fine, Slash, Duff McKagan, Steven Adler e Matt Sorum si sono presentati alla cerimonia, mentre Rose ha mantenuto la sua parola e non si è fatta vedere. Slash ha lasciato la band nel 1996, secondo NME, ma i Guns N ‘Roses si sono riuniti per un tour di reunion nel 2016.

Greta Thunberg ha detto che il suo premio non era necessario

Lavorare con gli altri per assicurarsi che i responsabili delle decisioni stiano prestando attenzione alla scienza – non preoccupandosi di ottenere il merito – sembrava essere il punto cruciale della risposta dell’ambientalista Greta Thunberg dopo che le era stata offerta una sostanziosa ricompensa per il suo lavoro. Come il AP segnalato (via Notizie NBC), il Nordic Council era pronto a dare a Thunberg un premio e $ 52.000 in premi in denaro nel 2019, ma alla fine ha rifiutato. Ha anche scelto di non partecipare alla cerimonia di premiazione, tenutasi a Stoccolma, in Svezia. “Il movimento per il clima non ha bisogno di altri premi”, ha scritto Thunberg su Instagram il 29 ottobre 2019. “Ciò di cui abbiamo bisogno è che i nostri politici e le persone al potere inizino ad ascoltare la scienza attuale, la migliore disponibile”.

Ma sebbene Thunberg non volesse un premio per il suo lavoro, sembra essere d’accordo con la sua immagine posta su un francobollo. The Irish Post riferisce che il servizio postale svedese ha rilasciato francobolli con un disegno del giovane attivista in piedi su una scogliera, che osserva gli uccelli. Thunberg è diventata famosa per la prima volta come ambientalista quando una foto della sua esibizione di una protesta solitaria fuori dal parlamento svedese è diventata virale nel 2018.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui