Whitney Houston e Mariah Carey avevano grandi voci e personaggi da diva ancora più grandi che li lasciavano aperti alle voci su una faida di celebrità che circolavano negli anni ’90. Non ha aiutato il fatto che fossero entrambe pop star influenzate dall’R&B, con voci ricche e blues e gamme vocali straordinarie. “C’era la situazione in cui, quando ho iniziato, tutti erano tipo, ‘Oh, lei e Whitney, mettiamole l’una contro l’altra e bla, bla, bla”, ha detto Carey a Variety nel 2012. “Non ci conoscevamo ! Ed è stata una delle più grandi di tutti i tempi. E poi abbiamo finalmente fatto un duetto insieme che ha vinto un Oscar, ci siamo divertiti moltissimo a lavorare insieme. È stato un cameratismo femminile. Ce l’abbiamo fatta entrambe.”

La canzone a cui si riferisce Carey è “When You Believe”, il loro duetto per la colonna sonora di “Il principe d’Egitto”, che ha ottenuto elogi dalla critica, successo nelle classifiche e un Oscar per “Miglior canzone originale”. Carey ha fatto eco a questi stessi sentimenti quando gli è stato chiesto di collaborare con Houston durante un’intervista del 2020 con “No Filter With Naomi Campbell” (tramite That Grape Juice) dicendo: “[Whitney] e ho avuto il miglior tempo. Amo il suo spirito e la sua energia ed era come se la gente non si aspettasse che andassimo d’accordo”. Capisco perfettamente chi era e cosa significava per il mondo”.

Mariah Carey rende omaggio a Whitney Houston

La prematura scomparsa di Whitney Houston ha scioccato il mondo nel febbraio 2012 (tramite la CNN). Il servizio funebre della talentuosa e travagliata cantante ha visto molti dei suoi amici e coetanei di prima categoria riuniti con la sua famiglia per condividere aneddoti emotivi sul loro tempo con la leggenda. Anche se Mariah Carey non ha parlato al funerale, ha fatto un tributo a Houston ai BET Awards 2012 (tramite Daily Mail UK). La cantante di “Hero” ha parlato della sua relazione con la defunta cantante durante il suo discorso, dicendo: “La prima volta che ho sentito la voce di Whitney, sono rimasta ipnotizzata come il resto del mondo. Solo una cantante in erba sconosciuta anch’io, sono rimasta affascinata dal potenza nella sua gamma, la ricchezza del suo tono e la sua capacità unica di avvolgere un testo in emozione.”

Carey ha menzionato la prima volta che ha “incontrato” Houston, scherzando sul fatto che in realtà non si sono incontrati; si “scambiarono sguardi”, aggiungendo che era “un po’ nervosa” perché Houston “non doveva essere presa in giro”.

Carey ha aggiunto che hanno trascorso molto tempo insieme mentre promuovevano la loro canzone, “When You Believe”, e hanno avuto modo di “conoscersi come persone”. Più tardi, la madre di due figli ha parlato dell’ultima volta che ha visto Houston, che era a Londra un anno prima del funerale. “Anche allora, la gente è rimasta sorpresa nel vederci seduti uno accanto all’altro, godendoci chiaramente la reciproca compagnia. Ma l’abbiamo fatto, e lo siamo stati”. Carey ha concluso il suo sincero discorso, proclamando che le manca il suo “amico”, ma “avremo sempre la musica”.

Mariah Carey ha snobbato Whitney Houston?

Whitney Houston sembrava non avere altro che parole gentili da dire su Mariah Carey durante la sua vita. “Penso che Mariah sia Mariah ed è per questo che dovrebbe essere conosciuta. Per il suo lavoro. E non per essere paragonata a me o per suonare come me. Non sento davvero [the comparisons]. ” Houston ha detto durante un’intervista con David Letterman (tramite Smooth Radio). Ha aggiunto che, nonostante le loro rare gamme vocali, non suonavano allo stesso modo: “Non penso che suoni come me o io suono come lei”

Non tutti quelli vicini ai cantanti condividevano lo stesso ricordo delle loro prime interazioni. La potenza del gospel Cece Winans, che era amica intima di Houston e ha lavorato con lei nel loro duetto di successo “Call On Me”, afferma che Carey ha ignorato Houston la prima volta che ha cercato di presentarsi.

Durante il podcast “Yes, Girl” di Essence, la cantante gospel ha spiegato di aver incoraggiato Houston a presentarsi a Carey per mettere a tacere le voci sulla faida. Dopo aver mostrato una certa riluttanza, Houston ha accettato, solo per essere accolta con freddezza “Ragazzo! Non sto mai dicendo o facendo nulla di quello che dici”, avrebbe detto Houston a Winans. Quando gli è stato chiesto di elaborare, Houston ha continuato: “Ho allungato la mano e ho detto: ‘Ciao Mariah, sono Whitney”, a cui Carey avrebbe risposto girando la testa dall’altra parte. “‘E la maglia dentro di me ha detto di prenderle i capelli!'” (via Cheatsheet) Se è vero, queste dive hanno fatto molta strada!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui