Orecchini pendenti in oro Dolly PartonDolly Parton non è indietro nel farsi avanti, condividendo regolarmente le sue opinioni e punti di vista. Ad esempio, la cantante è una sostenitrice LGBTQ+ schietta e formidabile e una pioniera femminista. Sappiamo anche cosa pensa Parton nei confronti di Taylor Swift (è un grande complimento, Swifties). Tuttavia, ci sono ancora molte cose che le persone non sanno di Parton, come le sue convinzioni politiche.

La Parton ha deviato mescolando performance e politica, a differenza delle sue compagne star country, The Dixie Chicks, diventate The Chicks, le cui opinioni esplicite sul presidente George W. Bush e sulla guerra in Iraq hanno creato una tempesta di fuoco. Il Guardian riferisce che la loro posizione politica ha portato gli “angeli di Saddam” a ricevere minacce di morte, i loro CD bruciati in pubblico e le stazioni radio a vietare la loro musica. Anche Ted Cruz è saltato sul carro. “Una band che cerca di vendere dischi ‘country’ dice a tutto il Sud di incazzarsi,” ha scritto il repubblicanoX.

Al contrario, la riluttanza di Parton a seguire la linea del partito l’ha portata a essere qualcuno per tutti. Gli abitanti del Tennessean hanno persino presentato una petizione ai legislatori per sostituire i monumenti rovesciati della Guerra Civile con un Parton con piedistallo. “Sostituisci tutte le statue confederate nel Tennessee con Dolly Parton”, si legge nella petizione, che conta oltre 25.000 firme su Change.org. “A parte la sua bellissima musica, che ha toccato i cuori e le vite di milioni di americani, il cuore filantropico di Dolly Parton ha senza dubbio cambiato il mondo in meglio”, continua. La dedizione di Parton al lavoro di beneficenza e alle generose donazioni a varie cause è ben documentata. Ma per quanto riguarda le sue convinzioni politiche?

Dobbiamo impegnarci di più

Dolly Parton sorride sul palco

Jason Kempin/Getty Images

Dolly Parton ha sempre cercato di evitare che la politica si insinuasse nella sua musica. Tuttavia, le cose cambiano, come dimostra la sua canzone “World On Fire”. La traccia del suo album del 2023 “Rockstar” include il testo: “Non farmi iniziare con la politica. Ora, come possiamo vivere in un mondo come questo? Politici avidi, presenti e passati, non saprebbero la verità se li mordesse nel culo.” Ha spiegato cosa ha ispirato la canzone durante un’apparizione a “The View”.

Parton ha rivelato che si stava preparando un caffè quando la notizia improvvisamente le è entrata in testa e l’ha spinta a chiedersi: “Cosa diavolo stiamo facendo l’uno all’altro e a questo mondo?” Alla fine, l’interrogatorio ha portato Parton a prendere carta e penna. “Il mio cuore era semplicemente pesante per tutte le cose per cui sono sicura che siamo tutti afflitti in questi giorni”, ha detto. “E stavo solo cercando di gettare un po’ di luce e di farci riflettere un po’ su quello che stiamo facendo e vedere se possiamo farci avanti e provare a fare un cambiamento.”

La star di “9 to 5” ha versato altro tè politico in un’intervista a “Today”. Quando Jacob Soboroff le ha chiesto a quali politici si riferisse in “World On Fire”, Parton è stata insolitamente aperta, anche se fermamente apartitica. “Tutti! Nessuno di loro! Non credo che nessuno di loro si stia impegnando abbastanza”, ha dichiarato. “Penso che spesso si preoccupino più del loro partito che del popolo”, ha continuato Parton.

Evitando le etichette

Dolly Parton vestito bianco sorridente

Tinseltown/Shutterstock

La forza e l’indipendenza di Dolly Parton hanno contribuito a far sì che la cantante fosse acclamata come un’icona femminista e pioniera. Tuttavia, è reticente ad abbracciare qualsiasi etichetta, ed è particolarmente restia riguardo alla parola F. Invece, Parton rimane apolitica sull’argomento, assicurandosi di non alienare nessuno con le sue opinioni e convinzioni.

Le capacità diplomatiche di Parton furono pienamente dimostrate quando Time le chiese se fosse una femminista. Ha detto che era una “domanda complicata”, ma ha fatto del suo meglio per rispondere. “Suppongo di essere femminista se credo che le donne dovrebbero poter fare tutto ciò che vogliono”, ha detto. “E quando dico femminista, intendo solo che non devo, per quanto mi riguarda, uscire allo scoperto e portare segni… Sento davvero di poter vivere la mia femminilità e dimostrare effettivamente che puoi essere una donna e che puoi fai comunque quello che vuoi.”

Tuttavia ha insistito sul fatto che non si vergognava dell’etichetta femminista. È solo consapevole che i suoi fan sono divisi sulla questione, con alcuni che la abbracciano e altri che la rifiutano, quindi rimane indecisa. “Sono tutto per tutte le nostre ragazze”, ha insistito Parton. “Penso che ognuno abbia il diritto di essere quello che è.” Ha continuato a evitare la questione mentre promuoveva il suo musical “dalle 9 alle 5”. “Penso di vivere semplicemente la mia femminilità”, ha detto a Sky News. “Voglio dire, la gente dice: ‘Sei femminista?’ E io dico che non so cosa significhi.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui