Anni prima che il movimento #MeToo portasse il concetto di consenso e discussioni sulla cultura dello stupro e sui traumi sessuali nel discorso mainstream, la canzone della popstar Robin Thicke del 2013 “Blurred Lines” ha contribuito a spianare la strada a tali conversazioni. Anche se è stato ampiamente considerato un grande successo al momento della sua uscita, la traccia ha rapidamente suscitato polemiche sul contenuto dei suoi testi.

Come suggerisce il titolo, i testi erano eticamente torbidi quando si trattava di diffondere l’idea che “no” in realtà non significa “no” quando si tratta di sesso. Abbinato a un video musicale sessualmente esplicito accusato di oggettivare le donne – che possono dimenticare quelle clip di Thicke annusando i capelli? – e una memorabile (se non raccapricciante) performance di Thicke con Miley Cyrus agli MTV Video Music Awards 2013, quella che è stata inizialmente lodata come la “Canzone dell’anno” è diventata improvvisamente la traccia più controversa del decennio.

Considerando come la canzone abbia essenzialmente scatenato la caduta di Thicke – che, oltre alla sua carriera, includeva il suo divorzio dall’allora moglie Paula Patton e una causa di plagio sulla canzone stessa – c’è una chiara possibilità che Thicke creda che non avrebbe mai dovuto registrare “Blurred Lines” in primo luogo. Ma è davvero così? Scopriamo.

‘Blurred Lines’ ha affrontato il contraccolpo sulla politica del consenso

“Blurred Lines”, che le principali pubblicazioni come Il guardiano considerata “la traccia più controversa del decennio”, ha portato a una serie di divieti senza precedenti in molti campus universitari – divieti che sono stati emanati dagli studenti stessi, non dalle amministrazioni – sulla natura sessista e misogina dei testi del cantante Robin Thicke. Considerando che il 2013 ha segnato l’inizio di importanti rivelazioni sulla questione dell’aggressione sessuale nei campus universitari di tutto il mondo – il pezzo di Emma Sulkowicz “Carry That Weight” ha debuttato meno di un anno dopo – non sorprende che gli studenti universitari siano stati alcuni dei più grandi critici della canzone.

Una studentessa, Kirsty Haig dell’Edinburgh University Students’ Association, ha descritto le preoccupanti sfumature della canzone riguardo al consenso Il guardiano: “Promuove un atteggiamento molto preoccupante verso il sesso e il consenso…[t]il suo è quello di garantire che tutti sono pienamente consapevoli che avete bisogno di consenso entusiasta prima del sesso. La canzone dice: ‘Sai che lo vuoi.’ Beh, non si può sapere che lo vogliono a meno che non ti dicono che lo vogliono.

Come Il guardiano ha notato che la risposta a “Blurred Lines” era lontana dal solito tumulto reazionario di destra. A differenza delle canzoni di decenni prima che portarono alla fondazione di organizzazioni centriste o conservatrici come il Parents Music Resource Center (PMRC), che si riuniva per l’uso di etichette di consulenza parentale per la musica ritenuta troppo esplicita, la risposta a “Blurred Lines” derivava più dagli atteggiamenti liberali e di sinistra della generazione millenaria, dove “gran parte dell’attuale opposizione agli eccessi del pop deriva da giovani femministe”.

‘Blurred Lines’ ha reso Pharrell Williams consapevole della “cultura sciovinista”

Forse la cosa migliore per uscire dalla polemica su “Blurred Lines” di Robin Thicke è stato come il contraccolpo ha reso più uomini consapevoli dei particolari del consenso, della cultura dello stupro e del patriarcato in generale, tra cui il collaboratore di Thicke “Blurred Lines” Pharrell Williams. In un’intervista del 2019 con Gq, Williams ha confessato che, anche se non ha capito immediatamente la reazione negativa del pubblico alla canzone, in quanto era popolare anche tra le donne, la cantante “Happy” in seguito si è reso conto che “Blurred Lines” era un esempio di come “viviamo in una cultura sciovinista”.

“Mi sono reso conto che ci sono uomini che usano lo stesso linguaggio quando approfittano di una donna, e non importa che questo non sia il mio comportamento”, ha aggiunto, alludendo al testo “So che lo vuoi” presente nella traccia. “La mia mente si è aperta a ciò che veniva effettivamente detto nella canzone e a come poteva far sentire qualcuno” continua Williams. “Anche se non era la maggioranza, non importava.”

Williams non è stato l’unico collaboratore di “Blurred Lines” che ha parlato dopo lo scoppio del contraccolpo, tuttavia. La modella Emily Ratajkowski, apparsa nel video musicale della canzone, ha detto Complesso era “felice che la gente critica i testi pop… questa è una cosa importante da fare. Tuttavia, Ratajkowski ha osservato che pensava che i testi erano “giocosi”, non “stupri” come suggerivano i critici. “Semmai sono consapevoli di sé e dicono: ‘So che lo vuoi’ e queste ragazze non sono davvero in esso,” ha spiegato.

Robin Thicke è stato umiliato dalla causa ‘Blurred Lines’

Anche se l’eredità di Robin Thicke è stata rovinata da “Blurred Lines” e dal suo messaggio misogino, ci sono molte altre ragioni per cui Thicke potrebbe desiderare di non aver mai registrato la traccia. Il fatto che Thicke sia stato riconosciuto colpevole di aver plagiato un altro famoso artista sarebbe probabilmente in cima a quella lista.

Nell’agosto 2013 Thicke e i suoi co-sceneggiatori di “Blurred Lines”, Pharrell Williams e T.I., hanno citato in giudizio la famiglia e l’editore dell’R&B Marvin Gaye, La famiglia e l’editore Bridgeport Music, dopo che il primo ha parlato pubblicamente contro il brano e ha accusato il cantante pop di aver plagiato il singolo di Gaye del 1977 “Got to Give It Up”, mentre quest’ultimo ha affermato che Thicke aveva campionato illegalmente la canzone Funkadelic Rolling Stone). Mentre Bridgeport Music e Funkadelic sono stati infine abbandonati dalla causa dopo che le parti coinvolte hanno raggiunto un accordo, il caso di Thicke contro la famiglia Gaye è andato a processo nel 2015.

Sfortunatamente per Thicke e i suoi collaboratori, la corte si distolisse con gli imputati, giudicando che Thicke e Williams erano colpevoli di violazione del copyright. Entrambi gli artisti sono stati successivamente costretti a pagare alla tenuta Gaye 7,3 milioni di dollari di danni (per Varietà). Per aggiungere insulto al danno, nel 2014, L’Hollywood Reporter ha ottenuto la testimonianza giurata di Thicke in cui il cantante ha rivelato di essere stato molto alto su Norco, un tipo di oppioide da prescrizione, e bevuto per la maggior parte delle sessioni di registrazione “Blurred Lines”. Ahi.

Ma, indipendentemente da come gli ascoltatori si sentono su “Blurred Lines”, è chiaro che questa canzone ha lasciato il segno nella storia della cultura pop.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui