Salma Hayek ha avuto una vita piuttosto interessante e ben viaggiata da bambina prima di diventare l’A-lister di Hollywood che è oggi. Secondo la biografia, Hayek è nata a Coatzacoalcos, Veracruz, in Messico, figlia di genitori cattolici benestanti. All’età di 12 anni, alla fine si è trasferita in America, dove ha frequentato una scuola del convento in Louisiana. Durante questo periodo, è stata effettivamente espulsa per aver fatto scherzi ai suoi compagni di classe. “Non erano male. Erano piccole cose divertenti”, ha insistito in seguito a “Power Women Breakfast”, spiegando che ha fatto casino con le ragazze americane che si svegliavano presto per pettinarsi e truccarsi. “Così un giorno ho deciso di andare lì e cambiare tutte le sveglie un’ora prima. E lo erano tutte [up] alle quattro del mattino, [when it’s] buio fuori, mi faccio la doccia.”

Mentre la star di “Frida” una volta era lei stessa molto religiosa, ha condiviso che non è più cattolica a causa delle opinioni della chiesa sull’AIDS e sulla sessualità. “Nel momento in cui ho iniziato a pensarci bene, mi sono reso conto che tutte le religioni sono una forma di manipolazione”, ha detto Hayek a Marie Claire nel 2007. “Quindi non credo nell’istituzione. Credo ancora in Gesù Cristo. Credo in Dio. “

Alla fine, dopo essere tornata nel suo nativo Messico per frequentare brevemente l’università, Hayek ha abbandonato la sua istruzione per intraprendere la carriera di attrice. Continua a leggere per saperne di più su come Salma Hayek è passata da una studentessa espulsa a una star di Tinseltown.

Voleva fare la ginnasta

Prima di scoprire la recitazione, Salma Hayek voleva diventare la prima ginnasta medaglia d’oro del Messico.

“Era il mio sogno”, ha detto in “Live Kelly e Ryan”, descrivendo come ha scoperto per la prima volta la ginnastica. “La mia città era piccolissima, quindi non sapevo esistesse questo sport. E poi Nadia Comăneci è andata alle Olimpiadi”. Dopo aver visto la star rumena in televisione, Hayek ha deciso di insegnare da sola. “Mi sono innamorata di questo sport ma non c’erano lezioni”, ha aggiunto, ricordando che i suoi genitori alla fine l’hanno lasciata andare in una palestra di Città del Messico per l’estate.

Hayek afferma di essere stata persino scelta per una squadra olimpica a Città del Messico, ma suo padre ha detto di no. “C’era una strada che non ho preso, che mi ha perseguitato per molti anni”, ha rivelato Hayek in un’intervista con OK! rivista. “Quando ero molto piccola, sono stata arruolata per le Olimpiadi di ginnastica. E mio padre si è rifiutato di permettermi di andare in un collegio a nove anni in un’altra città dove avrei dovuto allenarmi sei ore al giorno”. Sebbene nutrisse rancore nei confronti di suo padre, l’attore in seguito si rese conto che voleva solo che si divertisse a essere una bambina piuttosto che impegnarsi nell’intensa vita di un atleta. “Ora, sono così felice di non aver preso quella strada perché mi piace davvero la mia vita.”

Ha iniziato con le telenovelas

Salma Hayek aveva poco più di 20 anni quando la soap TV “Teresa” l’ha resa una star in Messico. Come ha poi spiegato in “The Late Late Show con James Corden”, è stato difficile adattarsi al frenetico mondo delle telenovelas. “Quando facciamo le soap opera in Messico, abbiamo qualcosa nell’orecchio chiamato” puntador “, che ti fornisce tutte le battute”, ha ricordato Hayek. “A volte le scrivono cinque minuti prima che tu le pronunci.” Agli attori sono state anche fornite le indicazioni sul palco attraverso l’auricolare, il che significava che dovevano concentrarsi in modo da non finire per pronunciare battute sincere come: “Ti amo, per favore non lasciarmi mai, esci a destra”.

Hayek era insicura del suo talento in questa fase della sua carriera, come ha ammesso a The Oprah Magazine. “Temevo di essere una pessima attrice, perché ero diventata famosa molto velocemente e guadagnavo soldi per le persone”, ha confessato. “Quando guadagni soldi, non ti diranno mai se sei buono o cattivo. A loro non importa.” L’attore temeva di deludere i suoi fan non offrendo una performance solida, soprattutto perché non aveva familiarità con il mondo delle telenovelas. “Non sapevo quanto fosse bello che tutti guardassero le soap opera in Messico”, ha aggiunto Hayek. “Mia madre non mi ha nemmeno permesso di guardarli, e ne sto facendo uno!”

Salma Hayek non aveva una carta verde

Quando Salma Hayek si è trasferita in America per dedicarsi alla recitazione, all’inizio ha avuto problemi con il visto. “Ero un’immigrata clandestina negli Stati Uniti”, ha rivelato a V Magazine Spain (tramite E! News). “È stato per un breve periodo di tempo, ma l’ho fatto ancora.” Il suo rappresentante ha insistito sul fatto che il suo status fosse “ripulito immediatamente quando Salma andò in Messico e lo rinnovò”.

Non è stato l’unico ostacolo che ha dovuto affrontare negli Stati Uniti. “Hanno pensato che fossi pazzo in Messico quando ho detto: ‘Vado a Hollywood.’ Nessuno pensava che potessi farcela”, ha detto Hayek a The Oprah Magazine, spiegando che sentiva che era necessario trasferirsi poiché all’epoca non esisteva un’industria cinematografica in Messico. “Ma sono venuto qui e non parlavo inglese, non avevo la carta verde, non sapevo di dover avere un agente, non potevo guidare, ero dislessico. E siccome non avevo dovevo fare qualsiasi cosa da solo in Messico, ero un moccioso viziato!”

È rimasta particolarmente sorpresa dalla gravità della barriera linguistica che ha dovuto affrontare. “Sono venuto qui e mi sono reso conto di quanto fosse veramente limitato il mio inglese, ed è stato molto spaventoso”, ha ricordato Hayek, aggiungendo che il suo accento non era mai stato criticato quando parlava inglese in Messico. “Ma la parola accento è diventata una parola così importante nella mia vita.”

Ha affrontato i pregiudizi a Hollywood

Per essere scritturata in America, Salma Hayek ha dovuto superare la sua dislessia e prendere lezioni di inglese. E anche dopo che è diventata fluente, all’attore è stato ancora detto che il suo accento avrebbe fatto pensare agli spettatori del loro personale domestico. “Non ero mai stata discriminata in vita mia; ero carina ed ero ricca in Messico”, ha spiegato Hayek a The Oprah Magazine. “Direi ai dirigenti, ‘Arnold Schwarzenegger ha un accento.'” Il regista Ivan Reitman le ha persino impedito di fare un provino per un ruolo, come ha detto a The Guardian, perché non era scritto per una donna latina. Ha aspettato per cinque ore per testardaggine, ma i produttori del film hanno detto al suo agente: “Sei pazzo? È messicana. Possiamo cambiare [the race of] il bimbo, ma non il protagonista.'” Reitman si è scusato anni dopo.

Ma nonostante questi ostacoli, Hayek era determinata a superare gli stereotipi disinformati che i direttori del casting le avevano imposto. “Avevo uno scopo. Come lo ero io ipotetico per fare qualcosa”, ha detto in seguito all’Evening Standard. “Non potevo sedermi e lamentarmi”. L’attore ha insistito sul fatto che “poteva vedere la realtà della percentuale di popolarità latina rispetto alla percentuale di rappresentazione popolazione”, ma aggiunse che la situazione era migliorata. “C’era nessuno quando sono arrivato qui e ora siamo molti di più”.

Ha pianto durante la sua prima scena di sesso

Anche se è diventato il suo ruolo da protagonista e ha continuato a lavorare di nuovo con il regista Robert Rodriguez, Hayek ha avuto un momento difficile sul set di “Desperado” del 1995.

Come ha detto a Dax Shepard e Monica Padman nel loro podcast “Armchair Expert”, la scena di sesso l’ha davvero scossa, soprattutto perché non era nella sceneggiatura originale. “Quindi, quando stavamo per iniziare le riprese, ho iniziato a singhiozzare”, ha rivelato Hayek, aggiungendo che era stato un set chiuso con solo quattro persone presenti: il regista Rodriguez, sua moglie e co-produttrice Elizabeth Avellán, e la sua co-produttrice. -protagonista Antonio Banderas. “Una delle cose di cui avevo paura [of] era Antonio perché era un vero gentiluomo e super gentile, e siamo ancora molto amici, ma era molto libero”, ha continuato, ammettendo di essere intimidita da quanto sembrasse facile per lui.

Sebbene abbia chiarito che Rodriguez non l’ha mai spinta a fare nulla, Hayek era ancora arrabbiata. “Non stavo lasciando andare l’asciugamano”, ha detto. “Cercavano di farmi ridere… lo toglievo per due secondi e ricominciavo a piangere.” Era anche spaventata dall’idea che suo padre e suo fratello potessero vederlo. “E verranno presi in giro?” si chiese l’attore. Quando il film è finalmente uscito, ha portato suo padre e suo fratello a vederla sul grande schermo, ma li ha fatti uscire dal cinema durante quella scena cruciale.

Gli stilisti la snobbavano

Durante i suoi primi anni, Salma Hayek ha dovuto essere creativa con i suoi abiti da tappeto rosso.

Come ha detto a Vogue, l’attore una volta è apparso a una premiere con tatuaggi temporanei di farfalle sulle clavicole perché all’epoca non aveva accesso a nessun gioiello e voleva ravvivare un semplice vestito nero. “In realtà ero molto orgogliosa di aver inventato qualcosa di interessante”, ha affermato. “In realtà, all’inizio della mia carriera, ho davvero faticato a procurarmi dei vestiti e non potevo permettermelo da solo”. Questo sembrava un affronto appuntito, rispetto ad altri attori della sua generazione. “Le altre ragazze stavano convincendo la gente a prestare loro dei vestiti, ma in realtà nessuno pensava che un messicano sarebbe rimasto nei paraggi”, ha spiegato Hayek. “Allora perché darmi un vestito? Ma le cose sono cambiate molto.” Descrivendo altri look iconici di quegli anni, ha ricordato “cercando di lottare con il fatto che non avevo molte risorse”.

Tuttavia, Hayek non ha certo faticato a trovare abiti firmati da quando ha sposato il CEO di Kering François-Henri Pinault, e ha detto all’Evening Standard che ora comprende molto meglio anche il business. “Ho molto più rispetto per le persone coinvolte nella moda”, ha insistito l’attore, lodando la creatività sovrumana necessaria per realizzare una collezione. “Devono essere artisti ed essere creativi sotto tale stress, aspettativa e competizione”.

Harvey Weinstein ha rovinato il suo progetto di passione

Sebbene Salma Hayek abbia passato anni a cercare di realizzare “Frida”, un film in cui interpretava la sua eroina Frida Kahlo, Harvey Weinstein ha gettato un’ombra sulla produzione.

In un saggio per il New York Times, Hayek ha descritto come il produttore l’abbia molestata durante tutto il processo. Secondo quanto riferito, si arrabbiava ogni volta che lei rifiutava le sue avances sessuali e gli diceva di no. “No a me che faccio la doccia con lui”, ha ricordato. “No a farmi fare un massaggio.” Ad un certo punto ha minacciato la sua vita, dicendole: “Ti ucciderò, non pensare di non poterlo fare”. Quando hanno iniziato a girare il film, Weinstein ha iniziato a dare il suo peso come produttore. “Le molestie sessuali sono cessate ma la rabbia è aumentata”, ha spiegato Hayek.

Weinstein ha anche criticato Hayek per essersi resa meno attraente nei panni di Kahlo, esortandola a non indossare un sopracciglio. La sua richiesta finale era una scena di sesso tra Hayek e un’altra donna completamente nuda. “Era chiaro per me che non mi avrebbe mai permesso di finire questo film senza che lui avesse la sua fantasia in un modo o nell’altro”, ha spiegato, aggiungendo che non si sentiva in grado di deludere tutti gli altri che lavoravano al progetto. “Ormai così tanti anni della mia vita erano passati in questo film.” Sebbene Weinstein volesse che il film andasse direttamente su VHS, è stato un successo di critica e Hayek è diventato il primo attore messicano ad essere nominato come migliore attrice dagli Oscar, come ha affermato con orgoglio sul suo Instagram.

Se tu o qualcuno che conosci è stato vittima di violenza sessuale, l’aiuto è disponibile. Visitare il Sito Web della rete nazionale di stupro, abuso e incesto o contattare la National Helpline di RAINN al numero 1-800-656-HOPE (4673).

Ha sposato un miliardario

Salma Hayek ha incontrato per la prima volta il CEO di Kering François-Henri Pinault a un gala italiano nel 2006, secondo People, e ha dato alla luce la loro figlia Valentina nel 2007 all’età di 41 anni. tu no. Entrambi hanno pro e contro “, ha detto Hayek all’Evening Standard. “Per me, sono una madre migliore perché ho avuto mio figlio più tardi, ma penso che tuo figlio arrivi al momento giusto, quando dovrebbe venire per te”.

Hayek ha poi sposato Pinault con una piccola cerimonia civile nel 2009, come riportato da People, prima di organizzare un sontuoso matrimonio stellato a Venezia. “È come nessuno che abbia mai incontrato prima”, ha detto Hayek in un’intervista con The Guardian, osservando che non aveva perso nulla del suo fascino durante i loro anni come coppia sposata. “Avevo incontrato uomini fantastici, ma non so se qualcuno mi vedesse così chiaramente come lui. E so chi è. Qualcosa sulla sua anima, non so come spiegarlo, ma è puro.”

Hayek ha anche insistito sul fatto che non usa i soldi del marito miliardario ma paga tutte le sue spese. “A volte faccio fatica perché ho molte spese, ma mi piace quella sensazione”, ha aggiunto. “Mi mantiene reale.”

Ha portato Ugly Betty in America

Salma Hayek non è solo una star del cinema: ha anche una seconda carriera di successo come produttrice. E una delle sue produzioni di maggior successo è “Ugly Betty”, l’adattamento americano di una telenovela colombiana intitolata “Yo Soy Betty La Fea”. “L’originale era un fenomeno in Columbia”, annunciò Hayek all’epoca, per ABC News. “E poi è diventato un incredibile successo in tutti i paesi latini, e poi in molti posti in giro per il mondo”. Ha anche parlato del suo amore per l’attore principale, America Ferrera, e ha difeso il suo aspetto. “Non credo che Betty sia davvero brutta”, ha commentato Hayek.

L’attore ha anche spiegato a The Oprah Magazine che diventare una produttrice era un modo per evitare l’età nel settore e continuare la sua carriera da donna anziana. “Ero abbastanza ingenuo da credere che ci sarebbe sempre stato molto lavoro per me”, ha ricordato Hayek, ricordando quanto fosse difficile avere a che fare con dirigenti uomini a Hollywood e perché ha deciso di creare i suoi film. “Ora posso insegnare quello che ho imparato alla prossima generazione. Non sarò solo il bel viso che scompare”, ha insistito. “Non sono più usa e getta così facilmente. Quando avrò 60 anni, potrò continuare a dirigere. Ho il potenziale per avere davvero, davvero una voce che fa la differenza”.

È un’amante degli animali

Salma Hayek ha molti animali da salvataggio, tra cui un gufo domestico di nome Kering dal marchio del marito miliardario François-Henri Pinault. “L’ho regalato a mio marito come regalo di San Valentino”, ha detto a People. “E lui mi ha detto, ‘Bene, grazie, ma so che questo è il tuo regalo per te stesso.'”

In un’apparizione in “The Graham Norton Show”, l’attore ha ricordato che ha persino finto di avere una relazione solo perché suo marito non si arrabbiasse con lei per aver accolto un altro animale disperato durante le riprese di un film in Bulgaria. “Avevo promesso a mio marito che avrei smesso perché all’epoca avevo dieci cani, cinque pappagalli, avevo alpaca, cavalli, gatti”, ha spiegato, aggiungendo che spesso mancavano gli arti e la coda. Sebbene a quel punto avessero già trenta animali domestici salvati, Hayek fu conquistata quando incontrò un “cagnolino, che era stato abbandonato e stava per morire”. Ma aveva un problema: come avrebbe dato la notizia a Pinault?

L’attore gli ha lasciato un minaccioso messaggio vocale, progettando di fargli credere di aver tradito in modo che il cane non sembrasse così male in confronto. Quando si sono incontrati, lei lo ha implorato pietà, insistendo: “Mi sento così malissimo … sono stata così sola qui per così tanti giorni e sai, fai cose pazze quando sei in questo stato”. La interruppe e andò dritto al sodo: “Per favore, non dirmi che hai preso un altro cane”.

Ha assunto un esperto di fantasmi per la sua casa infestata

Sebbene non sia più cattolica, Salma Hayek si considera ancora una persona spirituale, come ha detto a The Guardian. “La spiritualità riguarda la creazione e l’esplorazione dell’ignoto”, ha spiegato l’attore. E l’attrice si è trovata ad affrontare l’ignoto quando ha dovuto chiamare un medium per occuparsi dei fantasmi nella sua casa londinese.

In un’intervista a “The Ellen DeGeneres Show”, ha rivelato che gli uomini che lavoravano nella proprietà le avevano detto che era infestata. “Non li ho visti, ma qualcuno non voleva più lavorare lì perché il pianoforte suonava da solo e non andresti al terzo piano”, ha detto, scherzando sul fatto che l’operaio potrebbe non essere stato sobrio al volta. “Le luci si accendono e si spengono, o le porte e le finestre si aprono e si chiudono.”

Sebbene suo marito fosse scettico, la loro figlia era terrorizzata dalle proprie esperienze con gli spiriti. “Ho detto, ‘Guarda, porterò qualcuno, anche se non è vero, almeno potrebbero psicologicamente pensare che sia finita”, ha detto Hayek, aggiungendo che ha detto all’esperto di fantasmi di non portare alcun rituale che coinvolga parti del corpo : “Niente cosce di pollo, niente teste di pollo”. Il problema inquietante era peggiore di quanto pensassero, tuttavia, poiché l’esperto disse loro che c’erano almeno venti spiriti nella casa, inclusa una suora morta. Hayek ha aggiunto che ci sono ancora almeno due entità nella loro casa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui