I metodi che gli attori usano per entrare nei personaggi che interpretano possono variare da bizzarri a addirittura pericolosi. Natalie Portman si è lussata una costola e ha perso oltre 9 kg per il suo ruolo di ballerina sull’orlo di un collasso psicotico in “Black Swan”, secondo Thrillist. “Ci sono state alcune notti in cui ho pensato che sarei letteralmente morto”, ha detto Portman a Entertainment Weekly. Jamie Foxx ha chiuso gli occhi per prepararsi al ruolo del leggendario musicista Ray Charles nel film “Ray”. “Immagina di avere gli occhi incollati per 14 ore al giorno”, ha detto Foxx al New York Times. “Questa è la tua pena detentiva.”

src=”https://live.primis.tech/live/liveView.php?s=109370″>

Ci sono alcuni attori che confondono i confini tra recitazione metodica e vita reale, come il defunto attore Heath Ledger, che si è isolato e ha affrontato l’insonnia per prepararsi al ruolo di Joker in “Il cavaliere oscuro”. “Non riuscivo a smettere di pensare. Il mio corpo era esausto e la mia mente stava ancora andando”, ha detto Ledger al New York Times. Nel frattempo, Jeremy Strong non crede nemmeno nella recitazione metodica; crede in qualcosa chiamato “diffusione dell’identità”, secondo il famigerato articolo del New Yorker. “Se ho un metodo, è semplicemente questo: eliminare qualsiasi cosa, qualsiasi cosa, che non sia il personaggio e le circostanze della scena”, ha spiegato Strong.

Ora il caro Marvel Sebastian Stan si unirà ai ranghi degli attori che spingono i limiti, dal momento che ha fatto di tutto per prepararsi al ruolo di Tommy Lee per l’ultima miniserie di Hulu, “Pam & Tommy”.

Sebastian Stan diventa “intimo” con un pene animatronico

“Pam & Tommy”, è una nuova miniserie sull’attore Pamela Anderson e sul musicista Tommy Lee, e ci sono alcune scene piuttosto selvagge e alimentate dal sesso. Ma nessuno di loro tiene una candela a un momento particolare in cui il batterista dei Mötley Crüe ha un discorso di incoraggiamento con il suo pipì che gli ha risposto. Questo è stato ispirato da un aneddoto nel libro di memorie di Lee del 2005, “Tommyland”, per il New York Post.

L’attore Sebastian Stan, che interpreta Lee, non è stato messo in scena con questa scena molto fallica, dal momento che avrebbe usato un pene animatronico. Invece, ha abbracciato il falso bone-y e discutibilmente si è trovato un po’ troppo a suo agio con esso. “Alla fine, l’ho trattato come se fosse una conversazione intima tra amici che si potrebbe avere quando si stanno innamorando”, ha detto Stan a Variety. Tuttavia, altri non erano così favorevoli alla manopola del knockoff, come il regista Craig Gillespie che ha detto che quella scena era “semplicemente imbarazzante”. “Hai quattro burattinai che lavorano con un pene animatronico, e poi, quanto è troppo, e inizi a perdere il suo tormento emotivo per quello che sta succedendo? Speriamo che funzioni”, ha detto Gillespie.

Per quanto bizzarra sia questa situazione NSFW, il messaggio principale della storia non è perso su Stan. “Penso che sia una storia importante per essere in grado di capire quale sia stato l’impatto di quel tornado mediatico”, ha detto a Variety. “Per loro come coppia, ma in particolare per lei come donna. Non riesco a immaginare cosa ti viene rubato un video privato in casa, come ciò non avrebbe un impatto su una coppia di sposini”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui