Shia LaBeouf ha appena pubblicato alcune devastanti notizie sulla famiglia nel mezzo del conflitto mediatico in corso tra lui e Olivia Wilde. Il dramma è iniziato quando Wilde ha rilasciato un’intervista a Variety alla fine di agosto per promuovere il suo film, “Don’t Worry Darling”.

Durante la chat, Wilde ha detto di aver licenziato LaBeouf dal film prima di assumere Harry Styles per un ruolo da protagonista. LaBeouf ha quindi affrontato queste affermazioni tramite messaggi inviati a Variety. L’attore ha dichiarato di “aver lasciato il film per mancanza di tempo per le prove”. Inoltre, LaBeouf ha condiviso le comunicazioni passate tra lui e Wilde. Ciò includeva testi in cui LaBeouf diceva che si sarebbe allontanato dal progetto, oltre a un video in cui Wilde discuteva del film e diceva a LaBeouf che “non era ancora pronta a rinunciare a questo”.

Da allora Wilde ha risposto in un’intervista a Vanity Fair. L’attore e regista ha mantenuto la sua posizione secondo cui avrebbe lasciato andare LaBeouf per proteggere un’altra star del film, Florence Pugh. “Sono come una madre lupo”, ha detto Wilde. “Effettuare la chiamata è stato complicato, ma in un certo senso [LaBeouf] capito.” Ha poi spiegato: “Voglio che guarisca e si evolva perché penso che sia una grande perdita per l’industria cinematografica quando qualcuno che ha talento non è in grado di lavorare”.

Ora LaBeouf sta rivelando che, dietro le quinte di questo dramma, ha vissuto una straziante perdita personale.

La madre di Shia LaBeouf è morta all’età di 80 anni

L’attore Shia LaBeouf ha rivelato che sua madre, Shayna Saide, è tristemente morta. L’attore ha condiviso questo con The Hollywood Reporter mentre affrontava le controdeduzioni fatte da Olivia Wilde riguardo al suo precedente coinvolgimento nel film, “Don’t Worry Darling”.

Saide è morto il 27 agosto all’età di 80 anni a causa di insufficienza cardiaca, ha riferito l’outlet. LaBeouf ha detto che sua madre era “piena di paura nei suoi ultimi momenti” e “frenetica” quando è morta, quindi ha continuato esprimendo come Saide gli ha trasmesso un legame con un potere superiore.

“Il suo dono più grande per me è stato quello di promuovere, nella sua morte, la necessità di una relazione con Dio”, ha detto LaBeouf. “Non un interesse, non solo una convinzione, ma una relazione costruita su prove tangibili come un abbraccio”. Ha concluso dicendo: “Era amata da molti e conosciuta da troppo pochi. Dio ti benedica, mamma”.

Saide era un artista visivo, per Refinery29, cresciuto nel Lower East Side di New York City, in precedenza lavorando come ballerino moderno e jazz itinerante. LaBeouf ha parlato del suo amore per sua madre con Extra nel 2009, per MTV, definendola “la donna più bella di questo pianeta” prima di aggiungere “e la amo”. In risposta alla Wilde che affermava di aver licenziato l’attore da “Don’t Worry Darling”, LaBeouf ha detto: “È quello che è: ogni benedizione per lei e il suo film”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui