Greg Norman ha fatto scalpore come CEO di LIV Golf. L’organizzazione dell’Arabia Saudita ha preso in prestito giocatori dalla PGA e ciò ha portato a gravi tensioni tra i due organi di governo del golf. Diversi battitori pesanti della PGA hanno firmato con LIV per somme esorbitanti tra cui Phil Mickelson, Dustin Johnson e Bryson DeChambeau che hanno firmato accordi per un valore combinato di $ 400 milioni a $ 500 milioni, secondo Golf Digest’s Dan Rapaport. DeChambeau è stato l’ultimo di quel trio a firmare con LIV, poiché ha firmato un contratto da $ 100 milioni con loro l’8 giugno.

Oltre allo stipendio sbalorditivo, la firma di DeChambeau è stata così sconvolgente perché è arrivata poco dopo che la PGA ha annunciato che tutti i giocatori che si sarebbero uniti al LIV sarebbero stati esclusi da eventi futuri. Nel frattempo, l’ex grande Norman del PGA Tour ha elogiato DeChambeau. “È appassionato di sport, innovativo nel suo approccio e impegnato a spingere i confini alla ricerca dell’eccellenza”, ha dichiarato Norman in una dichiarazione l’11 giugno, tramite Fox Sports. La leggenda del golf credeva che il giovane giocatore stesse portando avanti lo sport. “Non ha paura di pensare fuori dagli schemi e sostiene la nostra missione di fare le cose in modo diverso per far crescere il nostro gioco”, ha aggiunto.

Il mese successivo, luglio, l’organo di governo del British Open, l’R&A, annunciò che Norman non era stato invitato a partecipare all’evento Celebration of Champions. In una dichiarazione, l’R&A ha affermato che la presenza di Norman avrebbe sminuito l’evento, secondo il Sydney Morning Herald. Poco dopo, Tiger Woods ha espresso la sua opinione sia su Norman che su LIV.

Tiger Woods pensa che LIV Golf potrebbe danneggiare il gioco

In preparazione per il British Open, Tiger Woods ha chiarito che la sua lealtà è con la PGA rispetto a LIV Golf e ha sostenuto la decisione dell’R&A di disinvitare Greg Norman. “Credo che sia la cosa giusta… Greg ha fatto alcune cose che non credo siano nel migliore interesse del nostro gioco”, ha detto Woods durante una conferenza stampa durante l’evento, tramite il New York Post. Il 15 volte campione maggiore ha detto che Norman aveva già provato ad avviare una lega di golf separata negli anni ’90. “Non funzionava allora, e sta cercando di farlo funzionare ora”.

Woods non ha usato mezzi termini mentre discuteva della decisione di colleghi professionisti come Phil Mickelson e Dustin Johnson di unirsi all’organizzazione dell’Arabia Saudita. “I giocatori che hanno scelto di andare al LIV e di giocare lì, non sono d’accordo”, ha detto ai giornalisti, tramite il Post. Woods ha detto che credeva che gli stipendi ridicolmente alti avrebbero danneggiato la qualità del golf. “Cosa stanno facendo questi giocatori per soldi garantiti, qual è l’incentivo ad allenarsi?” Ha aggiunto.

Norman ha ammesso a giugno che LIV ha cercato di attirare Woods a unirsi a loro. “Woods ha rifiutato un accordo incredibilmente enorme; stiamo parlando di nove cifre alte”, ha detto l’uomo noto come “Lo squalo”, ha detto al Washington Post. Il 9 luglio, Norman ha fatto un’eccezione alla decisione dell’R&A di escluderlo e l’ha descritta come “piccola”, secondo l’Australian Golf Digest.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui