Mentre Britney Spears continua la lotta per la sua libertà, sua sorella minore, Jamie Lynn Spears, dovrebbe pubblicare un libro di memorie. A luglio, Us Weekly ha riferito che il nuovo libro, che si diceva fosse intitolato “I Must Confess: Family, Fame, and Figuring it Out”, uscirà nel gennaio 2022. Dopo la notizia, i fan hanno iniziato a sbattere contro Jamie Lynn per aver usato i testi della canzone più popolare di sua sorella per il proprio successo. Poco dopo la notizia, però, la casa editrice ha rilasciato una dichiarazione su Twitter. “… informazioni premature sul progetto del libro ancora in fase di sviluppo di Jamie Lynn Spears sono state erroneamente pubblicate online per i siti di vendita al dettaglio. Siamo profondamente dispiaciuti che informazioni errate e incomplete sul suo libro siano apparse nello spazio pubblico, in particolare in questo momento delicato per Jamie Lynn e la sua famiglia”, si legge in parte nella dichiarazione.

L’11 ottobre Jamie Lynn è andata su Instagram per condividere la copertina del suo libro, che è stato ufficialmente intitolato “Things I Should Have Said”. “Non posso credere di aver finalmente finito di scrivere il mio libro!!!” Jamie Lynn ha sottotitolato il post. Jamie Lynn ha spiegato che una parte del ricavato sarebbe andata all’organizzazione no-profit “This Is My Brave”. “Stanno facendo un lavoro straordinario per supportare e incoraggiare le persone mentre condividono coraggiosamente le loro esperienze”, ha scritto Jamie Lynn. Tuttavia, sembra che i suoi piani di collaborare con l’organizzazione no profit si siano fermati bruscamente. Continua a leggere per scoprire di più.

This Is My Brave si è scusato

L’organizzazione no profit “This Is My Brave” ha rilasciato una dichiarazione su Instagram, annunciando che l’organizzazione non accetterà alcuna donazione dalle vendite del nuovo libro di Jamie Lynn Spears. “Ti sentiamo. This Is My Brave è stato recentemente raccomandato di essere un’organizzazione beneficiaria per i proventi del prossimo libro di Jamie Lynn Spears. Abbiamo preso la decisione di rifiutare l’offerta di ricevere i proventi delle vendite del libro”, la didascalia di un post letto. L’organizzazione si è anche scusata con “chiunque” potrebbe essere stato “offeso”.

Sebbene l’organizzazione non abbia spiegato apertamente il motivo per cui non ha accettato denaro dalle vendite dei libri di Jamie Lynn, sembra ovvio che la decisione sia derivata dal caso in corso di tutela di Britney Spears, secondo Page Six. Ciò è dimostrato anche dai numerosi commenti dei fan di Britney sul post Instagram di “This Is My Brave”. Nelle sue apparizioni in tribunale virtuale nel 2021, Britney ha accusato la sua famiglia di “abuso di conservatorismo”.

La mossa dell’organizzazione arriva poche settimane dopo che il padre di Britney, Jamie Spears, è stato rimosso come suo tutore dal giudice della Corte Suprema di Los Angeles Brenda Penny. “La situazione attuale non è sostenibile”, ha detto il giudice Penny all’udienza del 29 settembre, secondo il New York Times. Il caso di Britney tornerà in tribunale il 12 novembre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui